• Orlando furioso 500 anni
  • Orlando furioso 500 anni
  • Orlando furioso 500 anni
  • Orlando furioso 500 anni
  • Orlando furioso 500 anni
  • Orlando furioso 500 anni

20
 
15
 
15
 
11
 
10
 
10
 
10
 
0
 
 

Orari di apertura
Tutti i giorni 9.00 – 19.00
Aperto anche 1 novembre, 8, 25 e 26 dicembre, 1 e 6 gennaio
Aperture serali straordinarie

Informazioni e Prenotazioni Mostre e Musei
tel. 0532 244949
diamanti@comune.fe.it

Area stampa

Orlando furioso 500 anni

Cosa vedeva Ariosto quando chiudeva gli occhi
24 settembre 2016 – 8 gennaio 2017

«Quando entro nel Furioso, veggo aprirsi una tribuna, una galleria regia, ornata di cento statue antiche de’ più celebri scultori […], di cristalli, d’agate, di lapislazzuli e d’altre gioie, e finalmente ripiena di cose rare, preziose, meravigliose»

Galileo Galilei

Cosa vedeva Ludovico Ariosto quando chiudeva gli occhi? Quali immagini affollavano la sua mente mentre componeva il poema che ha segnato il Rinascimento italiano? Quali opere d’arte furono le muse del suo immaginario? A queste domande vuole dare una risposta la mostra organizzata dalla Fondazione Ferrara Arte per celebrare i cinquecento anni della prima edizione dell’Orlando furioso. Concepito nella Ferrara estense e stampato in città nel 1516, il poema è uno dei capolavori assoluti della letteratura occidentale che da subito parlò al cuore dei lettori italiani ed europei. Più che una ricostruzione documentaria, l’esposizione sarà una importante rassegna d’arte vera e propria: una straordinaria narrazione per immagini che condurrà il visitatore in un viaggio appassionante nell’universo ariostesco, tra battaglie e tornei, cavalieri e amori, desideri e incantesimi. I capolavori dei più grandi artisti del periodo – da Mantegna a Leonardo, da Raffaello a Michelangelo e Tiziano – oltre a sculture antiche e rinascimentali, incisioni, arazzi, armi, libri e manufatti di straordinaria bellezza e preziosità, faranno rivivere il fantastico mondo cavalleresco del Furioso e dei suoi paladini, offrendo al contempo un suggestivo spaccato della Ferrara in cui fu concepito il libro e raccontando sogni, desideri e fantasie di quella società delle corti italiane del Rinascimento di cui Ariosto fu cantore sensibilissimo.

Mostra a cura di Guido Beltramini e Adolfo Tura, organizzata da Fondazione Ferrara Arte e MiBACT Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo


Organizzatori

Ferrara Arte Mibact GAMC
1
Ente promotore

Comune di Ferrara
5
 
Con il patrocinio di

Furioso 2016
20
Partner della mostra

ENI
100
 
Si ringrazia

Publimedia Italia
120
Sponsor tecnici

Axa art XL Catlin Aon
125
 
 

La battaglia di Roncisvalle, c. 1475-1500. Londra, Victoria and Albert Museum
Giorgione, Ritratto di guerriero con scudiero detto “Il Gattamelata”, c. 1501. Firenze, Galleria degli Uffizi. Su concessione del MiBACT
Piero di Cosimo, La liberazione di Andromeda, 1510. Firenze, Galleria degli Uffizi. Su concessione del MiBACT
Paolo Uccello, San Giorgio e il drago, c. 1440. Parigi, Musée Jacquemart-André – Institut de France
Tiziano, Il baccanale degli Andrii, c. 1522-24. Madrid, Museo Nacional del Prado
Marco Zoppo, Profilo di donna guerriera con elmo, 1448-78. Londra, The British Museum
Andrea Mantegna, Minerva caccia i Vizi dal Giardino delle Virtù, 1497-1502. Parigi, Musée du Louvre
Bartolomeo Veneto, Ritratto d’uomo, c. 1502-1531. Cambridge, The Fitzwilliam Museum

PALAZZO DEI DIAMANTI
Corso Ercole I d’Este 21, 44121 Ferrara
tel +39 0532 244949

login