L'artista

Ferrara, Palazzo dei Diamanti - dal 22 settembre 2002 al 6 gennaio 2003

Sargent Americano di origini e italiano di elezione, John Singer Sargent (1856-1925), rimase per tutta la vita legato al nostro paese, nel quale tornò sempre e che sempre per lui simboleggiò nutrimento e fonte di ispirazione delle sue più intime fantasie pittoriche. Della parte meno conosciuta della sua produzione, dedicata all'Italia, rimane oggi a testimonianza un cospicuo numero di opere che descrivono, meglio di ogni parola, l'indissolubile legame che l'artista ebbe con il nostro paesaggio, la nostra cultura, la nostra arte.

Nato a Firenze nel 1856, figlio del chirurgo americano Fitzwilliam Sargent (1820-1889) e di Mary Newbold Singer (1826-1906), una donna colta, appassionata di arte e letteratura proveniente da una agiata famiglia di Filadelfia, John, secondo di sei figli, di cui soltanto tre sopravvissuti, cresce i Europa con le due sorelle, Emily e Violet. La coppia aveva lasciato l'America nel 1854, dopo la prematura morte della primogenita Mary di soli due anni, a causa della salute cagionevole della signora Singer, la quale sperava di ritrovare nel clima mediterraneo una condizione più favorevole per la sua malattia.

Sargent trascorre l'infanzia tra le più affascinanti città europee, incoraggiato dalla madre alla pratica pittorica già in giovanissima età e acquisendo, a causa e pregio del continuo viaggiare, quel carattere cosmopolita che permeerà per tutta la sua vita la sua figura e la sua personalità. Cresce tra l'Italia, la Francia, la Spagna, la Svizzera e la Germania, parlando quattro lingue, coltivando la lettura e lo studio del pianoforte e delle arti figurative. Nel 1866 conosce Violet Paget - la scrittrice Vernon Lee - coetanea di John e figlia di espatriati inglesi anche loro curiosi e instancabili viaggiatori del vecchio continente. Con lei, compagna degli anni giovanili in Italia e delle prime riflessioni sull'arte, la letteratura e la musica, si instaura un legame di affettuosa complicità e di sincera stima che li accompagnerà sempre.

Anche la sua istruzione è condizionata dai continui spostamenti: nell'ottobre del 1868 frequenta per un breve periodo una scuola a Nizza; l'anno successivo una a Firenze, poi, per un periodo più lungo studia anche a Dresda. La sua formazione scolastica è discontinua e apparentemente frammentaria ma, per contro, la ricchezza delle esperienze di vita e la peculiarità di una istruzione curata privatamente lo arricchiscono profondamente. Dopo il lungo soggiorno in Germania torna a Firenze dove, in ottobre, si iscrive all'Accademia di Belle Arti. A seguito di una parentesi di qualche mese però decide di proseguire e approfondire la sua formazione a Parigi, ormai capitale indiscussa dell'arte moderna e imprescindibile trampolino di lancio per chiunque volesse intraprendere la carriera di artista, trasferendovisi nel maggio del 1874. Si iscrive all'atelier di Carolus-Duran mentre contemporaneamente si prepara all'esame d'ingresso dell'Ecole des Beaux-Arts, scelta per compensare, con uno studio più ferreo del disegno accademico, la tendenza al puro pittoricismo di Duran.

Negli anni della sua formazione a Parigi fa la conoscenza di alcuni artisti americani che in seguito lo ricorderanno come un giovane di indiscusso talento, capace finanche di superare il maestro Duran. Nel 1876 fa la conoscenza di Claude Monet di cui diviene amico.

Nel 1877 espone per la prima volta al Salon parigino col ritratto di un'amica di famiglia, Fanny Watts; in quello stesso anno è lo stesso maestro Carolus-Duran a volerlo accanto a sé nella decorazione murale del soffitto del Palais du Luxembourg nella quale l'allievo ed il maestro si ritraggono a vicenda, quasi a voler sottolineare la reciproca stima che ormai li legava. Nel settembre del 1878 si reca a Napoli e poi, per un breve soggiorno, a Capri dove dipinge una serie di studi di Rosina Ferrara; tra questi Ragazza di Capri viene esposto alla Society of American Artists di New York. Il 1879 è un anno importante per la formazione artistica di Sargent; compie molti viaggi-studio interessandosi all'arte dei maestri del passato. In inverno è in Spagna dove studia Velázquez, che aveva imparato ad amare fin dai tempi dell'atelier di Duran; visita Marocco e Tunisia poi, dopo il ritorno a Parigi, si reca ad Haarlem dove riscopre i virtuosismi pittorici di Frans Hals.

Nel settembre è a Venezia; la Venezia di Sargent prende vita nelle suggestive opere di questi anni, memori delle atmosfere respirate in Spagna: i neri, i grigi e i rossi del quadro spagnoleggiante El Jaleo, cui sta lavorando e che espone al Salon del 1882, sono quelli che descrivono la città lagunare, le sue calli buie, i suoi interni decadenti e le sue donne misteriose e inafferrabili. A questi anni risalgono alcuni ritratti giovanili di grande freschezza, ancora liberi dalle costrizioni formali della committenza, quali la vivida immagine di Vernon Lee, esposta a Parigi alla Galerie Georges Petit insieme a quattro studi veneziani.

Artista consapevole di ciò che lo circondava nella capitale dell'arte moderna acquista nel 1884 due schizzi di Eduard Manet alla 'Vendita all'asta' tenutasi da Drouot, poi si reca a Londra e, con il romanziere ed amico Henry James, visita gli studi di alcuni artisti tra i quali J.E. Millais e Frederic Leighton. Il legame con James, al quale deve l'introduzione nei circoli londinesi, influenzerà non poco il lavoro di Sargent riflettendosi nell'intensità psicologica della sua ritrattistica. Lo stesso anno espone al Salon il famoso ritratto di Madame X , bellissima e facoltosa donna dell'alta società parigina del tempo, Il ritratto, originariamente intitolato con il vero nome della effigiata, aveva suscitato profondo scandalo, sia per l'arditezza della soluzione pittorica dell'incarnato perlaceo sia per l'abbigliamento giudicato lascivo nel dettaglio della spallina distrattamente abbassata, che costrinse l'autore prima a modificarne l'aspetto e poi a lasciare definitivamente il mercato parigino. Alla fine dell'estate del 1885 a causa di un piccolo incidente avvenuto mentre nuotava è costretto a trattenersi per un periodo nel Worcestershire, in Inghilterra. Inizia un periodo di fervida creatività e di riflessione sulla pittura en plein air francese. E' qui che probabilmente matura la decisione di trasferirsi definitivamente a Londra nel vecchio studio del collega Whistler, conosciuto a Venezia alcuni anni prima. Questi primi anni trascorsi in Inghilterra saranno, per ironia della sorte, il momento di gestazione delle sue prime e più sincere opere "impressioniste".

Nell'estate del 1887 fa visita a Monet a Giverny. Dopo un soggiorno a Londra dove dipinge sul Tamigi, si sposta in America per lavoro preceduto da una intrigante presentazione di Henry James apparsa sulla stampa statunitense che gli procura importanti commissioni. Il Sargent ritrattista ha ormai conquistato il mercato anglosassone e il 1888 è l'anno della sua prima personale a Boston che riscuote un successo trionfante mentre su "Art Journal" appare un articolo a lui interamente dedicato. Monet gli fa visita nell'ottobre a Londra. Nel 1890 espone alla Expo Universelle ed è insignito della carica di 'Chevalier de la Légion d'Honneur'. Questo è un anno importante per il pittore che riceve l'incarico per la decorazione murale della Biblioteca Pubblica di Boston. Inizia così un viaggio-studio a ritroso nell'iconografia religiosa delle antiche civiltà verso il recupero di una semplificazione formale dall'intensa comunicativa, improntata agli insegnamenti della tradizione classicista della scuola murale francese.

Questo ciclo di pitture, dedicato alla storia della religione, dal paganesimo all'ebraismo, alla nascita del cristianesimo, è il primo dei tre grandi incarichi pubblici che nell'insieme lo impegneranno per più di un trentennio, protraendosi fino alla sua morte nel 1925. Inizia una serie di lunghi viaggi di ricerca e di ricognizione formale nell'arte del passato che lo conducono in Egitto, Grecia, Turchia, Siria, Spagna e ancora in Italia. Nel luglio del 1891 è Parigi per le nozze della sorella Violet con Francis Ormond. Nel 1894, a soli 38 anni, viene eletto membro della Royal Academy con l'appoggio dell'allora presidente, Sir Frederic Leighton. In questo periodo le commissioni dei ritratti subiscono uno straordinario incremento, tanto da renderlo il ritrattista più ambito dell'establishment anglosassone. Nell'aprile del 1895 è a Boston per sovrintendere all'installazione della Fine dell'Ebraismo, prima parte del suo ciclo murale. Nel 1896 gli viene commissionato un ritratto da parte del Metropolitan Museum of Art di New York. Nel 1898 è a Venezia: dipinge Un interno a Venezia. Nel febbraio 1899 è la volta della sua seconda personale a Boston.

Nel 1903 si reca a Boston per proseguire l'installazione del ciclo murale. Stanco delle continue pressioni sociali derivanti dalla pratica del ritratto ma, soprattutto, potendo ormai contare su una più che consolidata sicurezza economica, Sargent decide di abdicare da ritrattista per dedicarsi ad una più libera sperimentazione pittorica, "in campi - come egli stesso afferma - che concedano di più all'immaginazione". Inoltre la notorietà acquisita nell'ambito del ritratto - tanta che Rodin lo descrisse come "il Van Dyck dell'epoca" - e la conseguente mole di commissioni ricevute avevano rallentato enormemente il procedere dei lavori ai cicli murali di Boston che voleva ormai portare a termine.

Riprendono a pieno ritmo i viaggi di studio e di ricognizione: nel 1901 la Norvegia, nel 1905 la Palestina, nel 1903, 1908 e 1912 la Spagna e poi ancora e sempre l'Italia. Adesso sono giardini e vedute montane ad attirare il suo sguardo: i parchi, le statue le fontane raccontano della sua mai tramontata passione per l'arte rinascimentale e manierista; le valli, i sentieri, i ruscelli, colti da angolature audaci e strutturati da potenti effetti di luce confessano il desiderio di impadronirsi dei più sfuggenti spazi aperti della pittura 'en plein air'. La tecnica dell'acquerello è ora il mezzo più indicato a catturare e restituire l'immediatezza della sensazione ottica del pittore. A partire dal 1904 partecipa regolarmente alle esposizioni della Royal Water-Colour Society di Londra; nel 1909 il Brooklyn Museum acquista ben 83 dei suoi acquerelli; nel 1912 è il Museum of Fine Arts di Boston a comprane un lotto di 45 mentre nel 1915 il Metropolitan ne acquista un gruppo direttamente da lui. Nel 1907 il Re Edoardo VII lo propone alla carica di 'cavaliere', titolo che non acquisisce soltanto perché non è cittadino britannico mentre dalle maggiori università consegue lauree ad honorem (Pennsylvania 1903, Oxford 1904, Cambridge 1913, Harvard e Yale 1916). Tra il 1916 e il 1918 è a Boston dove riceve l'incarico per la decorazione della rotonda del Museum of Fine Arts. Durante questo soggiorno americano accetta dopo circa un decennio di ritrarre nuovamente due importanti personaggi: sono infatti datati 1917 i ritratti del magnate del petrolio John D. Rockefeller e del presidente della Croce Rossa Woodrow Wilson. Ma la sua concentrazione va tutta alle grandi commissioni ufficiali - la Widener Memorial Library dell'Università di Harvard - e alle commemorazioni pittoriche della Grande Guerra (Ufficiali della Grande Guerra, 1920-22, Londra, National Portrait Gallery e Colpiti dal gas, 1919, Londra, Imperial War Museum). Nel marzo del 1925 termina il ciclo murale di Boston. La mattina del 15 aprile, dopo una cena di commiato con alcuni vecchi ed intimi amici organizzata dalla sorella Emily a Londra, viene trovato morto nel suo letto in Tite Street. Il 3 novembre il Museum of Fine Arts di Boston dedica al pittore scomparso la prima retrospettiva.

PALAZZO DEI DIAMANTI
Corso Ercole I d’Este 21, 44121 Ferrara
tel +39 0532 244949