Miró: la terra

Ferrara, Palazzo dei Diamanti - dal 17 febbraio al 25 maggio 2008

Miro Il cacciatore
Joan Miró č una delle personalitą pił affascinanti della storia dell'arte moderna. Il suo percorso artistico ha avuto un ruolo fondamentale nello sviluppo di alcune tra le pił importanti correnti del Novecento, dal Surrealismo all’Informale, e nello stesso tempo ha mantenuto un'autonomia e una libertą grazie alle quali sono nate opere d'arte tra le pił originali e seducenti del secolo scorso. La sua interpretazione lirica della realtą, fatta di visioni poeticamente semplificate e quasi "fiabesche", ha segnato l'immaginario di intere generazioni di artisti mentre la sua opera č stata oggetto di numerosi studi ed esposizioni.

Ferrara Arte e il Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid celebrano il maestro catalano con una mostra antologica che mette a fuoco un tema fondamentale nella sua opera da sempre sottovalutato dagli studi e mai presentato al pubblico in un'esposizione: il legame con la terra.

Miro Senza titolo
La mostra, innovativa e affascinante, pone l'attenzione sul ruolo centrale che questo tema ha avuto nell'immaginazione e nel processo creativo dell'artista. Partendo dalla riflessione sulla terra, nelle sue pił ampie accezioni e simbologie, Miró sviluppa, infatti, una serie di temi e filoni di ricerca che ricorrono in tutta la sua produzione: la rappresentazione del mondo rurale e contadino; il culto delle origini; l'attenzione ai temi della sessualitą e della fertilitą; l'interesse per la materia; i temi dell'aldilą e della metamorfosi; l'eterno susseguirsi di vita e morte. Una nuova lettura di questi motivi permette di gettare una luce inedita su aspetti dell'intera produzione di Miró e di comprendere appieno il dialogo che, dopo la seconda guerra mondiale, si č instaurato tra l'artista e i maestri europei e americani della generazione successiva, protagonisti della stagione informale.
Un'ampia selezione di opere - soprattutto dipinti, ma anche sculture, collage, assemblaggi, disegni e litografie - provenienti dalle pił importanti collezioni pubbliche e private del mondo, si articola in sezioni cronologico-tematiche che ripercorrono l'intero periodo creativo dell'artista, dagli esordi agli ultimi anni trascorsi nella casa-atelier di Palma di Maiorca.

Miro La lepre
Tutta l’arte di Mirņ č segnata da un profondo attaccamento per la nativa Catalogna, per le sue genti e le sue tradizioni. Nei primi anni di attivitą quell’universo viene da lui rappresentato in maniera ideale e quasi mitica, con uno stile inconfondibile che coniuga la resa per il dettaglio e la libertą espressiva tipica delle avanguardie.

Dopo il trasferimento a Parigi, Miró dą vita ad una nuova tipologia di dipinti. In essi, grazie al fecondo incontro con l'ambiente dadaista, il mondo rurale si trasfigura in esperienza vissuta, restituita attraverso la forza evocativa della memoria e della dimensione onirica. L'elemento terrestre non ha pił la concretezza data dalla resa accurata del dettaglio che caratterizza le opere precedenti e diventa per cosģ dire uno spazio "mitico" abitato da figure archetipiche.
Il ruolo della memoria - amplificato dall'esperienza condotta dal 1925 a fianco dei surrealisti - e la ricerca delle origini conducono il maestro catalano alla creazione di opere che danno forma a un personale mito della genesi, tra le quali spicca il gruppo di paesaggi di grande formato del 1927.

Miro' Collage
Tra il 1929 e il 1931 Miró si cimenta con il collage, l'assemblaggio e con opere tridimensionali assolutamente innovative. Questa indagine č nutrita dalla profonda riflessione che in questo momento l'artista conduce sulle componenti fondamentali dell'opera d'arte. Il motivo della terra risveglia ora un nuovo interesse per materiali - scelti ed associati con assoluta libertą e con raffinata ironia - che divengono componenti fondamentali del suo lessico, lasciando in secondo piano la pittura.
La mostra prosegue poi con una serie di opere ispirate al tema della fertilitą e al mito di Plutone, dio degli Inferi. Fin dall'antichitą classica infatti il concetto di fertilitą era indissolubilmente legato al mondo sotterraneo poiché in esso si ravvisava l'origine di ogni linfa vitale. Tra il 1934 e il 1936 il maestro catalano dipinge una serie di quadri dedicati a questo tema in cui sperimenta nuove soluzioni pittoriche. Miró lavora ora su supporti inusuali, come le lastre di rame, raggiungendo esiti di straordinaria brillantezza ed espressivitą.


Miro Persone davanti al sole
La continua sperimentazione tecnica e la ricerca di materiali estranei alla pittura sono un nodo centrale dell'opera dell'artista. Nell'estate del 1936 questa ricerca raggiunge un grado di eccezionale tensione concettuale che dą vita ad una bellissima serie di dipinti su masonite, realizzati durante un soggiorno a Montroig.
Il rientro in Catalogna segna gli anni che seguono lo scoppio del secondo conflitto mondiale. Le opere di questo periodo cupo si contraddistinguono per la presenza di figure, spesso alate, che sembrano ricordare le Eumenidi, le "antiche dee" di Eschilo, malinconiche e ostili.

All'inizio degli anni Cinquanta, Miró torna a concentrarsi sulla creazione di oggetti polimorfici e polimaterici che aveva intrapreso gią vent'anni prima. Il suo lavoro si orienta verso l'esaltazione della materia e dei materiali che compongono l'opera, raggiungendo soluzioni formali straordinarie che lo pongono in diretto rapporto con la generazione dell'Informale.


A chiudere il percorso di mostra sono le opere realizzate nel nuovo atelier di Palma di Maiorca dove si trasferisce nel 1956: pitture, sculture e assemblaggi di medie e grandi dimensioni caratterizzati ancora una volta dall'ardita sperimentazione di svariate tecniche e dall'impiego di oggetti eterogenei. Sono opere straordinarie, nelle quali il dualismo vita-morte ricorre incessantemente, vere proprie riflessioni figurative che Miró, ormai anziano, conduce sul tema del ciclo della vita e dell'eterno trasformarsi della materia.
Miro' Figure e uccelli nella notte

PALAZZO DEI DIAMANTI
Corso Ercole I d’Este 21, 44121 Ferrara
tel +39 0532 244949