Picasso

L'arte di Picasso in Mostra
Picasso, composizioni semplici

Pubblichiamo uno stralcio dal catalogo della mostra: "Lo spagnolo Juan Gris che, grazie alla sua nazionalità era stato tra i pochi artisti al riparo, se non dalle conseguenze della guerra, almeno dai combattimenti, abbraccia i nuovi principi etici e, ricercando un legame tra questi e l’estetica, persegue l’unità tra vero, bene e bello. All’inizio del terzo decennio la pittura di Gris, abbandonata la molteplicità dei punti di vista, si distende, divenendo più fluida e sensuale; le sue nature morte, accuratamente disposte su tavoli o sedie o, come quelle Picasso e Severini, poggiate sul davanzale di una finestra aperta sul mar Mediterraneo, sono composizioni di semplici oggetti quotidiani (brocche, bottiglie, chitarre, spesso associate allo spartito musicale), che via via si fanno più equilibrate; la tavolozza, meno acida, tende alla ricerca dell’opposizione tra chiari e scuri, secondo la lezione di Chardin o del conterraneo Zurbaràn, mentre le forme si irrigidiscono, saturando lo spazio e sottolineandone le spigolosità"(Caterina Zappia)


l'arte di Picasso in mostra
I primi Picasso

Se dentro c’è un Picasso, anche il suo imballaggio può attirare l’attenzione. Le due Maternità del maestro spagnolo sono arrivate oggi e in attesa dell’apertura delle casse sono state delicatamente appoggiate ai piedi dei muri in cui verranno appese.
Ma le confezioni di legno che li contengono spiccano per eleganza e curiosità: raffinate le scritte a fuoco e il sigillo di sicurezza, simpatica la maniglia per il trasporto a mano…
La prossima settimana arriverà il terzo Picasso dalla Svizzera.




il cubismo alla nostra mostra d'arte
Nuove ricchezze visive per Picasso

Negli anni Venti, Picasso abbandona la geometrizzazione e la scomposizione dei piani tipica del primo cubismo per riscoprire la morbidezza delle linee curve e si cimenta con un timbro cromatico sinora sconosciuto, esaltato da sapienti contrasti di bianco. Approda così ad una ricchezza visiva inedita testimoniata da capolavori come Chitarra, bicchiere e fruttiera del 1924, esposto nella sala IV della nostra mostra 2011.
(dalla guida alla mostra)


PALAZZO DEI DIAMANTI
Corso Ercole I d’Este 21, 44121 Ferrara
tel +39 0532 244949